Il Management del silenzio

 Il Management del silenzio

In certe aziende il silenzio è d’oro. Una riorganizzazione, una dimissione, un errore: l’informazione non viene diffusa col rischio di alimentare la RSI (Radio Scarpa International…) e di generare i classici rumors. La preoccupazione di controllare la comunicazione in un contesto incerto e complesso può condurre alla scelta del silenzio. Ma le conseguenze di un’assenza

Tiziano Botteri

Complessità manageriali e componenti interculturali in un contesto “performance oriented”

 Complessità manageriali e componenti interculturali in un contesto “performance oriented”

Alessandro V. da cinque mesi gestisce un’Area geografica molto estesa che copre parte dell’Europa, il Medio-oriente e parte dell’Asia. Certamente non avrebbe ricevuto questo incarico dal Board se la sua esperienza, già maturata a livello internazionale gestendo per alcuni anni 5 Paesi Europei, non fosse stata giudicata idonea a permettergli di compiere questo ulteriore salto

Emanuele Castellani

I Megashifts che cambieranno il nostro futuro

 I Megashifts che cambieranno il nostro futuro

Dato il notevole sviluppo delle nuove tecnologie esponenziali e i cambiamenti che ne derivano, quali saranno le opportunità e sfide che dovremo prendere in considerazione (e superare) nell’imminente futuro? Come possiamo ridurre al minimo l’impatto negativo dei progressi tecnologici, senza però invalidarne i vantaggi? Il primo passo è quello di approfondire la conoscenza dei Megashifts che, se

Gerd Leonhard

CEO: relazioni in azienda e successo dei team

 CEO: relazioni in azienda e successo dei team

Alex S. è CEO da 3 anni nell’azienda in cui lavora da 8. Ha raggiunto risultati eccellenti in  quella realtà e prima ancora nelle precedenti. Vuole e deve raggiungere risultati importanti e sa bene che non può farlo da solo. Ecco perché negli ultimi anni ha costruito il suo team in maniera molto attenta, cercando

Emanuele Castellani

Posta elettronica e Time Management

 Posta elettronica e Time Management

Mario L. è manager in una grande azienda italiana. Luisa R. è capo-ufficio in una piccola realtà locale in Toscana. Franco T. è imprenditore da tre generazioni. Infine, Teresa O. svolge funzioni segretariali in un’azienda italiana, sede locale di una multinazionale. Profili molto diversi, con ambiti di responsabilità differenti e un problema comune: la gestione della

Emanuele Castellani

Hight Output Management: la gestione dei collaboratori

 Hight Output Management: la gestione dei collaboratori

Jean-Pierre Testa, consulente di management Cegos, esplora la gestione dei collaboratori partendo dall’esperienza di Andrew Grove, ex presidente di Intel, descritta nel suo libro “High Output Management” in cui mette in prospettiva le modalità di regolazione del comportamento dei collaboratori sulla base di due criteri: i fattori C.I.A e centralizzazione. Fattori C.I.A e centralizzazione Il

Cegos

Quali competenze devono sviluppare i manager del futuro?

 Quali competenze devono sviluppare i manager del futuro?

In questo articolo Christophe Perilhou, Senior Manager Cegos, tratta le basi delle nuove competenze richieste al cosiddetto manager “post-moderno”. Il management è un ambito sempre più in fermento, complesso, incerto e di conseguenza sono richieste notevoli capacità di adattamento, flessibilità e innovazione. Taylor non è morto Le condizioni lavorative attuali sono ben diverse da quelle in cui si trovava

Cegos