Tecnologia, capacità di gestire un team e attenzione all’aspetto umano: i punti chiave del remote management

Di | 17 giugno 2019

Oggigiorno sempre più spesso i Manager si trovano a gestire delle risorse a distanza: forze vendita dislocate sul territorio, collaboratori che non lavorano presso la stessa sede e un continuo aumento di dipendenti che usufruiscono dello smart working.

Ecco perché il tema del Remote Management sta diventando sempre più attuale e non deve essere assolutamente trascurato.

remote management

Oltre ad una tecnologia al top deve far seguito la capacità di gestire un team che presenta complessità nuove rispetto a un team tradizionale e una maggiore attenzione all’aspetto umano.

Gestire delle risorse a distanza non significa esercitare un controllo tramite invii massivi di e-mail, volti più a monitorare che il nostro dipendente stia incollato al pc e non alla qualità del lavoro svolto in totale autonomia. Tale metodo, infatti, non sempre risulta essere utile ma, al contrario, frustante e poco valido.

Per questo è fondamentale predisporre strategie di comunicazione efficaci e rendere i nostri collaboratori partecipi ed entusiasti di ciò che stanno facendo.

REMOTE MANAGEMENT SCHEMA

Comunicare diventa così un fattore cruciale, in grado di determinare il successo o l’insuccesso della gestione di team da remoto, così come la capacità di mettersi nei panni non solo di chi gestisce ma anche di chi “viene gestito”.

Appare, dunque, fondamentale pianificare:

  • Incontri vis – à – vis;
  • Meeting virtuali, agevolati dall’avanzamento e dal supporto della tecnologia, focalizzati su un topic e di breve durata (non oltre l’ora e mezza).

In riferimento ai momenti virtuali, quest’ultimi possono essere di due tipologie:

  • Sincroni, necessari quando si desidera confrontarsi su uno specifico argomento;
  • Asincroni, utili per condividere informazioni.

Per gestire al meglio i momenti sincroni occorre essere preparati.

Un modo per rendere i nostri dipendenti efficienti e ottimizzare il poco tempo a disposizione è quello di inviare in anticipo i documenti di cui si andrà a discutere, permettendo loro di essere sul pezzo e di fornire soluzioni concrete.

Un’altra leva importante per svolgere al meglio il Remote Management è mantenere elevato l’ingaggio dei collaboratori a distanza grazie alla diffusione della cultura del feedback reciproco tra capo e collaboratore.

Concludendo possiamo dire che il Remote Management, se ben gestito, è un’opportunità.

Tramite la tecnologia possiamo rimanere realmente in contatto anche con i membri più lontani del nostro team, evitando viaggi e aumentando la produttività!


Per approfondire il tema, consulta il programma dei corsi:

Altri focus sullo stesso tema

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti