#1 Un percorso sulla leadership: perché svilupparlo

Di | 29 marzo 2019

Quando un professionista si trova a valutare un possibile sviluppo di carriera in un ruolo manageriale, ciò che scopre di dover esplorare è la propria immagine di sé.

Aspetti oggettivi e formali (quali gli aspetti contrattuali, le risorse assegnate, il grado di autonomia) sono realmente valutabili ed eventualmente negoziabili solo a valle di un lavoro di autoconsapevolezza.

Quali sono le motivazioni che possono guidare verso l’abbandono di una consolidata expertise tecnico-professionale per indirizzarsi verso un ruolo evanescente e spesso sopravvalutato come gestore di persone e processi? Il desiderio di riconoscimento? Il piacere dell’influenza? La sensazione di potere? La volontà di essere al servizio?

Ogni persona ha le proprie risposte, spesso esito di sogni e desideri. Sono pensieri pregiati, da conservare e coltivare. Secondo alcuni, sono le immagini che ci guidano nelle frequenti, faticose scelte di interpretazione di ruolo. Citando le parole di Kets De Vries, molte volte ti troverai a dover decidere se recitare come leader, come giullare o come impostore.

Come affermava Enzo Spaltro, è infatti sempre più necessario comprendere che esistono diverse declinazioni degli stili di comando e di direzione, alcuni costruttivi ed altri potenzialmente distruttivi.

Stili di direzione

Tipo di autoritàTipologia di membri del gruppoTipo di delegaQualità del capostile di comandoimpatto
Pseudo carismaticaServitori personaliMancante o fittiziaSimbolo idealizzatoAutoritario autocraticoDistruttivo
TradizionaleSeguaci, fansAd hoc e ad personamCarattereAutoritario, paternalisticoFamiliaristico
RazionaleFunzionari, burocratiRazionale e ad funzionemEsecutoredi ordini impersonaliPartecipativo, consultivoCostruttivo, conservativo
EfficienteCollaboratori, professionalTemporale e sui risultatiRealizzatore di risultatiPartecipativo di gruppoCostruttivo, innovativo

Negli scenari organizzativi si vedono sempre meno sentieri, spesso sostituiti da elisi tracce di passaggio. La leadership deve essere adeguata a questo ambiente.

Mentre concetti, regole e idee possono aiutare a guidare una persona nella sua formazione, un vero leader agisce anche in base ad intuizioni, in quanto non possono essere le sole regole esterne a determinarne la personalità.

I leader non agiscono solo secondo indirizzi esterni, ma concependo il proprio lavoro come una normale estensione del loro modo di essere (piuttosto che saper fare il leader , il saper essere leader).

Nei prossimi post ti aggiornerò su una serie di riflessioni pratiche che speriamo possano aiutarti a scegliere ed agire con concretezza ed eticità.


Contattaci per sviluppare percorsi di leadership nella tua azienda.

Per scoprire di più sul tema, consulta il programma del corso Lo stile del leader

/5 - Voir tous les avis

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti