Il Manager Coach

Di | 6 dicembre 2018

Nuove forme di organizzazione (smart working, progetti, reti, gestione remota), situazioni sempre più complesse e la necessità di proattività richiedono un elevato livello di autonomia dello staff.

I collaboratori non devono solo essere capaci e motivati, ma anche possedere un maggiore livello di maturità al fine di prendere il controllo di molteplici situazioni. Il tradizionale ruolo del manager muta, comprendendo ora anche il ruolo di coach, che richiede un approccio particolare e strumenti specifici.

manager coach

Da manager a manager coach

Aspetti fondamentali del coaching

  • Il coaching comporta il fornire sostegno per aiutare le persone a sviluppare le proprie potenzialità
  • Questo sostegno è fornito in due ambiti: aiutare la persona nella sua attuale posizione e assisterla nel realizzare il suo potenziale futuro
  • Il coaching richiede un passo indietro rispetto al tradizionale ruolo del manager e una maggiore enfasi sul ruolo di formatore, mentore, guida e consigliere
  • Il coaching comporta l’accettare una posizione nuova e “ambigua”: concentrarsi sia sui risultati sia sulle relazioni per aiutare i collaboratori a sviluppare le proprie capacità
  • Essere un coach comporta mettere in discussione i propri metodi e comportamenti e analizzarli per aiutare a prepararvi per situazioni nuove, sconosciute o stressanti
  • Un coach deve comprendere che lo sviluppo manageriale riguarda più il liberare energia potenziale nelle persone che fornire loro motivazioni esterne

I 5 principi fondamentali del coaching

  • dimostrare rispetto per la persona oggetto del coaching (coachee)
  • sviluppate autonomia nel coachee
  • tenere in considerazione le emozioni che il coachee manifesta
  • pensare al significato: Perché? Per cosa?

Perché diventare un manager coach?

Il clima attuale richiede sempre maggiori livelli di autonomia tra i collaboratori, a causa:

  • dello sviluppo dello smart working
  • dell’aumento delle strutture di lavoro orizzontali
  • della necessità di essere in grado di fornire risposte in tempi brevi per soddisfare le esigenze del cliente nuove tecnologie informatiche

Le aspirazioni dei collaboratori sono cambiate, e comportano:

  • un nuovo rapporto con l’autorità
  • un rapporto più “contrattuale” con l’azienda
  • la necessità di essere riconosciuti non solo per le proprie competenze, ma anche per la propria identità

Le caratteristiche del ruolo di manager coach

CoachManager coach
Regole applicabiliRegole professionaliRegole aziendali interne
DistanzaVisione esterna, altre esperienzeCultura comune
RelazioniTemporaneeLungo termine
CollegamentoCollegamento contrattualeCollegamento gerarchico
Origine della richiesta di coachingRichiesta esplicita e contrattualeRichiesta da parte del collaboratore o suggerita dal manager
Esito del coachingTrasformazione, cambiamento, reindirizzoMiglior adattamento alle necessità del singolo e dell’azienda

La posizione del manager coach

CoachManager coach
Considera il livello di autonomia dei collaboratoriCerca di sviluppare il livello di autonomia e la maturità emotiva dei collaboratori
L’autonomia è una necessitàL’autonomia è uno degli obiettivi
Si concentra sulla prestazione economicaRaggiunge un equilibrio tra performance economica, sviluppo delle persone e sviluppo del team
Si concentra sulla dimensione razionale (fatti, opinioni)Considera entrambe le dimensioni razionale ed emotiva (fatti, opinioni, sentimenti)

 

Il manager coach prende in considerazione tre dimensioni: performance economiche, sviluppo delle persone e sviluppo del team.

 


 

Leggi anche:

Consulta i corsi:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti