Per una leadership utile e autentica

Di | 29 novembre 2016

Molte teorie si sono alternate sul tema della leadership. L’idea di un tratto di personalità in grado di incarnare sempre al meglio la funzione – approccio personologico – è stato sostituito prima da una visione contestuale – “è l’ambiente sociale che sceglie il proprio leader” – e poi da una visione integrata: in un determinato contesto alcune caratteristiche personali favoriscono l’emersione della leadership. Il susseguirsi dei diversi studi ha prodotto diverse indicazioni operative e inviti a collegare lo stile personale con la cultura organizzative in cui si è inseriti.

Allo scopo di consolidare il nostro ruolo manageriale, è quindi utile ricordarci che pur potendo apprendere numerose tecniche comunicative mirate all’influenza, sono i nostri tratti di personalità a renderne l’applicazione più o meno fattibile e costruttiva.

Ecco perché, nel progettare un percorso di sviluppo della nostra leadership, è necessario  tornare in contatto con la nostra autenticità.

Autenticità nei ruoli di responsabilità

Un team di ricercatori, composto da studiosi della Harvard Business School e della Boston Business School, tempo addietro ha predisposto una ricerca sul tema dell’autenticità nei ruoli di responsabilità. Gli esiti hanno evidenziato quanto sia importante cercare di mantenere integrato il nostro modo di essere e l’interpretazione del ruolo manageriale.

In questo senso è consigliabile porsi spesso questi interrogativi:

  1. Quali sono le persone e le esperienze della mia vita che hanno avuto un maggior impatto su di me? Chi è stato un esempio, positivo e negativo?
  2. Come cerco di sviluppare la mia consapevolezza, come persona e come ruolo organizzativo? Quanto riesco ad essere onesto con me stesso?
  3. Quali sono i miei valori più profondi? Da dove provengono? Quando li ho scelti? Come influenzano le mie azioni?
  4. Cosa mi motiva estrinsecamente? Quali sono le mie motivazioni intrinseche? Come bilancio queste due dimensioni?
  5. Che tipo di team sto guidando? Quanto mi ricordo che lavoro per le mie persone? Quanto sono realmente apprezzato da loro?
  6. La mia vita equilibra ed integra armoniosamente la dimensione pubblica con quella privata? Riesco a sentirmi sempre me stesso nei diversi momenti di vita personale, lavorativa, famigliare, comunitaria? In caso contrario, cosa me lo rende difficile?
  7. Che cosa significa essere autentici? Mi sento una persona più efficace quando agisco in maniera autentica, esprimendo i miei valori ed il mio sentire? Ho mai avuto problemi per aver espresso il mio vero modo di essere?
  8. Cosa potrei fare per interpretare al meglio i miei tratti più profondi, mettendoli al servizio della mia organizzazione, della mia famiglia, della mia comunità?
  9. Come posso coltivare ogni giorno i miei valori, mettendoli al servizio degli altri?

Interrogativi che ci portano a prendere contatto con noi stessi e che, affiancati ad un percorso di formazione sulla leadership, ci permettono di essere leader utili alle persone della nostra organizzazione e, in generale, a tutti coloro che quotidianamente incontriamo.

Altri focus sullo stesso tema

Lascia un commento

Avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi la notifica sui nuovi post del Blog

Abilita JavaScript e Cookies nel brauser per iscriverti